“OGNI MINIMA DISTRAZIONE NEL RISPETTARE I PRESIDI DI VIGILANZA È UN VARCO APERTO ALLA CRIMINALITÀ”

//“OGNI MINIMA DISTRAZIONE NEL RISPETTARE I PRESIDI DI VIGILANZA È UN VARCO APERTO ALLA CRIMINALITÀ”

“OGNI MINIMA DISTRAZIONE NEL RISPETTARE I PRESIDI DI VIGILANZA È UN VARCO APERTO ALLA CRIMINALITÀ”

ANTIRICICLAGGIO, ARROTINO (SKS365) AD AML EXPO: “OGNI MINIMA DISTRAZIONE NEL RISPETTARE I PRESIDI DI VIGILANZA È UN VARCO APERTO ALLA CRIMINALITÀ”

Intervento dell’AML Manager di SKS365 questo pomeriggio durante la conferenza sul tema antiriciclaggio: “Gli strumenti per arginare le infiltrazioni illecite nel settore del gioco esistono, ma il primo passo arriva dall’impegno congiunto di tutti gli operatori.” 

Roma, 3 giugno 2019– Specialisti e addetti ai lavori si sono riuniti lo scorso 30 maggio a Romaalla prima edizione di AML EXPOper fare il punto sugli strumenti tecnologici, digitali e normativi contro l’antiriciclaggio, focus dell’appuntamento organizzato da White List Warranty e Acuris Risk Intelligence.

Tra i relatori anche Antonio Arrotino, AMLManagere MLROdi SKS365, che si è soffermato soprattutto sui rischi di incursioni malavitosein un mercato, come quello del gaming, tra i più attraenti e, dunque, più sensibili.

Nel 2018 il mercato del gioco legale ha generato una raccolta da 105 miliardi di euro. Maggiore è la redditività di un settore, più alto è il pericolo che le organizzazioni criminali si inseriscano con metodi più o meno noti: attività estorsiva, imposizione di prodotti, creazioni di reti parallele o alterazioni degli apparecchi da gioco, fino alla manipolazione degli stessi eventi sportivi attraverso pratiche criminose quali il match fixing” ha commentato Arrotino, che è anche Responsabile settore giochi Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio.

Il fenomeno colpisce non solo il settore legale e gli operatori in regola, ma coinvolge e danneggia anche gli stessi giocatori. Per arginare questa minaccia bisogna agire d’anticipo, stare sempre essere al passo, e cercare di prevedere per quanto sia possibile, le mosse criminali. Prevenzione, collaborazione e controllo capillare sono le armi principali.

Esistono alcuni strumenti specifici, i cosiddetti presidi antiriciclaggio, che valgono da sistemi di controllo sia online sia offline, e di tutela sia degli operatori sia dei giocatori. Verificare i conti in apertura e in chiusura– ha proseguito Arrotino – Aumentare la frequenza dei controlli anche durante l’utilizzo di questi conti, identificare ciascun profilo e raccogliere dati dettagliati per individuare comportamenti anomali o sospetti da segnalare alle Autorità. In una parola: attenzione. Il mancato adempimento dei presidi antiriciclaggio genera zone d’ombra, un cancello lasciato aperto che permette l’ingresso di attività criminose. Per questo – ha concluso Arrotino– È fondamentale la massima cura, l’allerta e la collaborazione continua di tutti gli operatori. Il nostro settore ha le sue difese immunitarie, ma va curato ogni giorno per evitare virus.”

2019-06-03T17:18:14+00:0003.06.2019|